L’essenza della sedia a sbalza: la Sedia Zig Zag di Rietveld

La Sedia Zig Zag di Rietveld rappresenta la scomposizione nei punti essenziali della sedia a sbalzo

Osservando di profilo la Sedia Zig Zag e anche solo leggendo il nome con cui è conosciuta, il pensiero va immediatamente a una linea interrotta. In realtà, l’obiettivo di Gerrit Thomas Rietveld era quello di ottenere una forma senza soluzione di continuità fra gli elementi che la compongono. Tutto questo senza perdere di vista lo stile, ma continuando su una strada di sperimentazione che è stata una delle impronte più distintive del suo creatore.

Sedia Zig Zag: dalla piegabilità dei materiali a un progetto complesso

La realizzazione della Sedia Zig Zag ha alle spalle un progetto particolarmente complesso: situazione che non traspare dalla apparente semplicità e linearità del modello definitivo. Nella realtà Rietveld è stato un ricercatore di forme e materiali nuovi, da applicare all’architettura ma soprattutto al design di interni (come si può vedere in tutte le sue opere, fra cui la Sedia Red and Blue). In particolare, per una larga parte della sua carriera, il designer olandese si dedicò ad approfondire il concetto di piegabilità: cioè come ottenere delle strutture tridimensionali (come appunto una sedia) partendo da un elemento piano o lineare.

Infatti il punto di partenza della Sedia Zig Zag altro non è che un tubolare di metallico con un profilo a “S”, che riusciva a uniformare schienale, seduta e gambe in un linea continua. La successiva evoluzione portò a un cambio di materiale, con un passaggio al legno (il materiale preferito da Rietveld, che aveva una formazione nel campo della falegnameria), ma in una versione curvilinea. Per arrivare alla versione definitiva, sempre in legno, ma realizzato connettendo quattro tavole incernierate tra di loro con denti a incastro e alcuni rinforzi per garantire la stabilità. Il trionfo della linearità e della semplicità di realizzazione, per una linea unica, che sembra quasi fluttuare nell’aria.

Ma l’apparente semplicità della Sedia Zig Zag non deve trarre in inganno: infatti questo modello rappresentò una rottura nella geometria classica delle sedie, soprattutto perché il piano orizzontale della sedia (la seduta) non è sostenuta da un elemento verticale (come possono essere le classiche gambe), bensì da un elemento diagonale. Da notare poi la particolare ricerca nelle dimensioni, per cui le quattro parti di cui è composta la Sedia Zig Zag di Rietveld hanno tutte le medesime misure.

Il profilo assolutamente nitido è probabilmente l’elemento maggiormente distintivo della Sedia Zig Zag: tale da incontrare ancora oggi, quando ormai questo modello si avvicina a compiere i 100 anni di vita, i gusti non solo dei professionisti del design, ma anche dei semplici appassionati. Le diverse riproduzioni, che accostano colori particolari, mantenendo sempre inalterata la classica forma, permettono infatti di scegliere questa sedia in modo da abbinarla ai più diversi stili di arredamento.

Su Artemobili.it potrai trovare la Sedia Zig Zag e gli altri capolavori di Gerrit Thomas Rietveld, per arredare la tua casa e il tuo ufficio: vieni a scoprire le opere dei grandi maestri del design 100% Made in Italy.

Guardala sul nostro Shop Sedia Zig Zag

 

contatto WhatsApp

Scegli tra...