TAVOLINO ISAMU NOGUCHI IN-50

DESCRIZIONE

Le forme pulite del Tavolino di Isamu Noguchi lo rendono un oggetto di assoluta modernità: l’abilità di unire il legno di frassino con il piano del cristallo, sempre mantenendo una forma rotonda per entrambi i materiali, è azzardata ma perfettamente riuscita. Tre semplici pezzi formano il tavolo: le strutture in legno che formano la base e che sono unite tramite un perno centrale per formare una “X” congiunta però all’estremità e un piano di cristallo di forma irregolare che rende il tavolino leggero ed elegante.

CARATTERISTICHE

Lo studio delle forme e del loro contatto è al centro del Tavolino di Isamu Noguchi: è possibile vedere questo tavolino come costruito su una linea unica, armoniosa, che parte dalla base per percorrere il piano di cristallo e ritornare sulla seconda parte della base stessa. La scelta del cristallo per il piano permette una visione completa del tavolo da qualsiasi angolo di visuale, proprio come una scultura: il designer ha “scolpito” il suo tavolo nella materia.

QUALITA' E MATERIALI

I materiali di alta qualità accompagnati da una lavorazione artigianale sono il tratto distintivo del tavolino di Isamu Noguchi: in particolare, la scelta del massello di frassino permette di ottenere una base solida ed equilibrata. Il piano in cristallo (disponibile in due diversi spessori) offre un appoggio solido ed equilibrato per l’utilizzo del tavolino e allo stesso tempo una linea leggera, grazie alla trasparenza del cristallo, che permette di vedere tutto il tavolo con un singolo sguardo.

  • base in massello di frassino;
  • piano in cristallo.

 

UTILIZZO

 

Il tavolino di Isamu Noguchi ha una linea moderna ed elegante, grazie alla particolare forma della base e soprattutto al piano in cristallo di forma irregolare. Questo tavolino è adatto a un ambiente moderno ed elegante, come può essere un salotto, uno studio oppure la sala di attesa di un ufficio.

VARIANTI

Il tavolino di Isamu Noguchi è disponibile con base in frassino massello. Per le finiture è possibile scegliere fra:

  • finitura a poro aperta laccata nera;
  • finitura naturale noce o wengè;
  • finitura laccata (colori campionario RAL)

Il piano di cristallo è disponibile in due versioni:

  • spessore 15 mm;
  • spessore 19 mm (

L'OPINIONE DEL DESIGNER

Un classico elegante e moderno: lo stile del tavolino Isamu Noguchi è senza tempo e regala un’eleganza unica, grazie allo studio delle forme nello spazio: la scultura diventa design, mantenendo bellezza e praticità d’uso.

-+
389,00 € + IVA

Isamu Noguchi

Isamu Noguchi (1904–1988) fu uno degli scultori più importanti e acclamati dalla critica del ventesimo secolo. Attraverso una vita di sperimentazione artistica, ha creato sculture, giardini, mobili e progetti di illuminazione, ceramica, architettura e scenografie. Il suo lavoro, allo stesso tempo sottile e audace, tradizionale e moderno, ha fissato un nuovo standard per il reinserimento delle arti.

Noguchi, un internazionalista, ha viaggiato molto per tutta la vita. (Negli ultimi anni ha mantenuto studi sia in Giappone che a New York.) Ha scoperto l'impatto di opere pubbliche su larga scala in Messico, ceramiche terrose e giardini tranquilli in Giappone, sottili tecniche di pennello a inchiostro in Cina e la purezza del marmo in Italia. Ha incorporato tutte queste impressioni nel suo lavoro, che ha utilizzato una vasta gamma di materiali, tra cui acciaio inossidabile, marmo, ghisa, legno di balsa, bronzo, lamiera di alluminio, basalto, granito e acqua.

Nato a Los Angeles, in California, da madre americana e padre giapponese, Noguchi visse in Giappone fino all'età di tredici anni, quando si trasferì in Indiana. Mentre studiava pre-medicina presso la Columbia University, prendeva lezioni serali di scultura nel Lower East Side di New York, facendo da mentore con lo scultore Onorio Ruotolo. Presto lasciò l'Università per diventare uno scultore accademico.

Nel 1926, Noguchi vide una mostra a New York dell'opera di Constantin Brancusi che cambiò profondamente la sua direzione artistica. Con una John Simon Guggenheim Fellowship, Noguchi andò a Parigi e dal 1927 al 1929 lavorò nello studio di Brancusi. Ispirato alle forme riduttive dell'artista più anziano, Noguchi si rivolse al modernismo e a una sorta di astrazione, infondendo i suoi pezzi altamente rifiniti con un'espressività lirica ed emotiva e con un'aura di mistero.

Il lavoro di Noguchi non fu ampiamente riconosciuto negli Stati Uniti fino al 1938, quando completò una scultura su larga scala che simboleggia la libertà di stampa, che fu commissionata per l'edificio Associated Press nel Rockefeller Center di New York City. Questo è stato il primo di quelli che sarebbero diventati numerosi celebri lavori pubblici in tutto il mondo, che vanno dai parchi giochi alle piazze, dai giardini alle fontane, il tutto riflettendo la sua fiducia nel significato sociale della scultura.

Nel 1942, Noguchi aprì uno studio al 33 MacDougal Alley, nel Greenwich Village, dopo aver trascorso gran parte degli anni '30 a New York City ma viaggiando ampiamente in Asia, Messico ed Europa

L'attacco giapponese a Pearl Harbor e la reazione contro i giapponesi-americani negli Stati Uniti hanno avuto un drammatico effetto personale su Noguchi, motivandolo a diventare un attivista politico. Nel 1942, fondò Nisei Writers and Artists Mobilization for Democracy, un gruppo dedicato alla sensibilizzazione sul patriottismo dei giapponesi-americani.

Ha anche chiesto di essere collocato in un campo di internamento in Arizona, dove ha vissuto per un breve periodo di sette mesi. Dopo la guerra, Noguchi trascorse molto tempo in Giappone esplorando i problemi strazianti sollevati negli anni precedenti. Le sue idee e i suoi sentimenti si riflettono nelle sue opere di quel periodo, in particolare le delicate sculture in lastre incluse nella mostra "Quattordici americani" del 1946 al Museum of Modern Art di New York.

Noguchi non apparteneva a nessun movimento particolare, ma collaborava con artisti che lavoravano in una serie di discipline e scuole. Ha creato scenografie già nel 1935 per la ballerina / coreografa Martha Graham, iniziando una collaborazione permanente; così come per ballerini / coreografi Merce Cunningham, Erick Hawkins e George Balanchine e il compositore John Cage. Negli anni '60, Noguchi iniziò a lavorare con l'intagliatore di pietre Masatoshi Izumi sull'isola di Shikoku, in Giappone; una collaborazione che sarebbe continuata anche per il resto della sua vita.

Dal 1960 al 1966, ha lavorato alla progettazione di un parco giochi con l'architetto Louis Kahn.
Ogni volta che gli veniva data l'opportunità di avventurarsi nella produzione in serie dei suoi progetti di interni, Noguchi lo afferrò. Nel 1937, progettò un citofono in bachelite per la Zenith Radio Corporation e, nel 1947, il suo tavolo con piano in vetro fu prodotto da Herman Miller. Questo progetto, insieme ad altri come i suoi progetti per Akari Light Sculptures, inizialmente sviluppati nel 1951 utilizzando materiali tradizionali giapponesi, sono ancora oggi prodotti.

Nel 1985, Noguchi aprì l'Isamu Noguchi Garden Museum (ora noto come The Noguchi Museum), a Long Island City, New York. Il Museo, istituito e progettato dall'artista, ha segnato il culmine del suo impegno negli spazi pubblici. Situato in un edificio industriale degli anni '20, di fronte al quale l'artista aveva aperto uno studio nel 1960, ha un sereno giardino di sculture all'aperto e molte gallerie che espongono il lavoro di Noguchi, insieme a fotografie e modelli della sua carriera.

La prima retrospettiva di Noguchi negli Stati Uniti fu nel 1968, al Whitney Museum of American Art di New York City. Nel 1986, ha rappresentato gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia. Noguchi ha ricevuto la medaglia Edward MacDowell per l'eccezionale contributo a vita alle arti nel 1982; il Kyoto Prize in Arts nel 1986; la National Medal of Arts nel 1987; e l'Ordine del Sacro Tesoro del governo giapponese nel 1988. Morì a New York City nel 1988.

contatto WhatsApp

Scegli tra...